MASSAGGIO THAILANDESE

 

"La forza e la tenerezza sono due facce diverse di uno stesso misterioso fenomeno."

(Osservatorio di Vega)

 

Origini e Filosofia

 

Il massaggio thai (M.T.) è frutto di una lunga storia che sconfina nella leggenda. Fu codificato nel V secolo a.C. dal medico indiano Shivago Kumar Baj, definito ancora oggi in Thailandia “Padre della medicina”.

 

Pare infatti che Shivago Kumar Baj abbia utilizzato nella sua codifica tradizioni mediche provenienti soprattutto dall'India (Ayurveda e Yoga), ma anche dalla Cina, dal Sud-est asiatico, dalla medicina popolare non meno che dalle pratiche sciamaniche. L'influenza della medicina indiana si evince, oltre che dalla provenienza di Shivago Kumar Baj, anche dall'etimologia di molti termini. Il concetto dei canali energetici che solcano il corpo è comune a diverse culture asiatiche, così come il concetto dell'energia vitale prana è comune a culture sia asiatiche che europee (sanscrito प्राण-prana, cinese qi, coreano gi, giapponese ki, greco πνεῦμα, latino spiritus, ebraico ruach,…): entrambi questi aspetti - quello energetico e quello “spirituale” - sono indirettamente coinvolti nell'antica disciplina del massaggio thailandese, che non a caso fino a pochi decenni fa veniva praticato soltanto all'interno dei monasteri buddhisti. Esso giunge così oggi al mondo occidentale praticamente intatto nella sua filosofia e metodologia.

 

Tecnicamente...

 

Il massaggio Thai si pratica sul futon, a terra, proprio come lo Shiatsu. A differenza di quest'ultimo, il Thai si avvale principalmente di una serie calibrata di trazioni accompagnate, mobilizzazioni e leve articolari, pressioni muscolari e precise manovre stiranti rivolte al tessuto mio-fasciale: queste sono compiute utilizzando mani e piedi, ginocchia e talvolta lo stesso peso corporeo dell'operatore, all'interno di una di sequenza elegante e cadenzata che vede spesso operatore e ricevente in trazione reciproca.

 

La sequenza di manovre che ne risulta è piacevolmente ritmata,m in alcuni passaggi può ricordare  una sessione di “ginnastica passiva”: il massaggio agisce in profondità, con il doppio risultato di tonificare durante il trattamento e rilassare non appena il massaggio è concluso.

 

Il massaggio Thailandese si può compiere tranquillamente da vestiti (nella misura in cui il ricevente presenti un abbigliamento comodo e non ingombrante). Nel massaggio Thailandese non è previsto l'uso di olii o di unguenti perché questi renderebbero più difficoltosi stiramenti e trazioni; alcuni riceventi lo apprezzano anche per questo suo approccio discreto.

 

Effetti benefici

 

Il trattamento Thailandese nasce in antichità con finalità genuinamente “salutistiche”: era considerato dai suoi praticanti una disciplina di tipo “medico” perché orientato al ripristino naturale di una situazione di equilibrio energetico interno. Le molte trazioni di cui il Massaggio Thailandese si avvale, infatti, lavorando su e attraverso il tessuto mio-fasciale (e non solo), riequilibrano più in profondità lasciando sperimentare al ricevente dei livelli di euritmia vibrazionale via via più intimi, più profondi e dunque non soltanto fisici.

 

Il trattamento è molto rilassante, senza per questo “sedare” le energie vitali del ricevente: anzi, la sensazione tipica che si ha al termine di una sessione thai è proprio quella di un fresco risveglio privo di tensioni, di una maggiore elasticità fisica e mentale e di un piacevole stato di quiete e relax, pur nella pienezza del proprio tono psico-fisico.

 

Il massaggio Thai è indicato per lo sportivo ( non poco prima o appena dopo una performance) così come per la persona che è costretta ad assumere spesso (per lavoro o per altre ragioni) delle posture faticose o stancanti . E' consigliabile anche per chi canta o per chiunque utilizzi la voce per lavoro (conferenzieri, professori, attori ecc.) perché la distensione del sistema mio-fasciale e l'armonizzazione energetica che ne consegue tendono ad “aprire” le corde vocali, migliorandone i risultati.

 

Orario Segreteria: da Lunedì a Venerdì h. 9:00 - 19:00

Questo sito è di proprietà dell'Associazione Culturale di Promozione Sociale Osservatorio di Vega

sede legale via dal Lino 12/2b 40134 Bologna - Codice Fiscale 03163541208

 E' possibile riutilizzare parte dei testi in esso contenuti SOLO citando esplicitamente la fonte, pena la perseguibilità del trasgressore

Privacy & Cookies Policy