Corsi base

 

 

Corsi avanzati

 

  • Movimento e Contatto in 4D
  • Materia ed Energia: Filosofia Olistica tra Occidente e Oriente
  • Corso di Slow Wave contatto per Shiatsuke professionali

 

Torna alla pagina dei Corsi

 

S H I A T S U

 

 "Panta rei os potamòs. Tutto scorre come un fiume"

- Eraclito di Efeso

 

Descrizione della pratica: Origini e filosofia

 

Lo Shiatsu è trattamento olistico per il  riequilibrio energetico basato principalmente sull'utilizzo di palmo-pressioni e digito-pressioni lungo un’ampia mappatura di meridiani e ago-punti energetici, secondo il background della medicina tradizionale cinese (MTC): l’operatore si avvale anche di trazioni integrate, lievi frizioni lente ed altri passaggi orientati al ripristino dell'equilibrio energetico interno.

 

Di origine giapponese, lo Shiatsu unisce filosofia e pratica in una sintesi altamente efficace e affascinante, di elaborazione relativamente recente (codificato nella sua forma attuale nel XX sec.), benché fondato sul background teorico della medicina tradizionale cinese, costruito su una base di oltre 2.500 anni di pratica.

 

Questo metodo infatti affonda le sue profonde radici nell’antico modello taoista  dell’equilibrio dinamico tra gli elementi naturali dell’Uomo in relazione all’Ambiente, intendendo la persona come un'unità integrata di corpo ed energia, emozione, pensiero, spiritualità.

 

 I "progenitori"storici dello Shiatsu sono  dunque quelle antiche forme di massaggio  e di trattamento riequilibrante  tradizionali   dell'Estremo Oriente, come l'Am-ma, la  Mo-xa, il  Tui-na sebbene la forma attuale di  questa  pratica si debba principalmente all'elaborazione accurata di alcuni maestri giapponesi  moderni ( vissuti nel  xx secolo) come Shizuto Masunaga, Tokuijro Namikoshi e altri  celebri operatori che dedicarono la  loro vita a  quest'arte curativo-preventiva per il benessere della persona. Per usare una terminologia più tecnica, lo Shiatsu è' un  trattamento olistico di tipo energetico-vibrazionale, che  (inter-)agisce  a livello psico-somatico, anche se, partendo proprio dall’elemento del contatto fisico, sarebbe più corretto dire che (inter-)agisce a livello “somato-psichico". Considerato invece nel suo insieme, come un iter di riequilibrio e consapevolezza corporei (al di là della singola sessione) , lo Shiatsu può essere ben definito  un percorso olistico-evolutivo.

 

 Che cosa vuol dire esattamente ? Innanzitutto,  lo Shiatsu è un metodo olistico nel senso che, in accordo con la concezione tradizionale cinese (e orientale), tende a considerare la dinamiche fisiologiche interne della persona come altamente correlate tra loro e facenti  parte di una circolarità unitaria e coerente: l'approccio olistico preferisce allora focalizzarsi  proprio sulle relazioni interne tra le parti (anche dette "polarità")  piuttosto che  sulle singole parti  in senso isolato (per esempio, si può  lavorare sul riequilibrio dello stomaco senza andare a toccare il meridiano di  stomaco). Ancora,  lo Shiatsu lavora sul piano energetico (o vibrazionale) nel senso che l’operatore che non agisce tanto sul corpo del ricevente quanto  attraverso di esso, per contattare e dialogare con il sistema energetico del ricevente: il trattamento Shiatsu in questo senso è soprattutto un profondo scambio di informazioni, di comunicazioni sottili verso il riequilibrio e il benessere, attraverso il linguaggio energetico-vibrazionale, ciò che il corpo conosce dalla nascita.

Le stesse dinamiche fisiologiche si esprimono all'operatore in relazione alla sfera non solo fisica ma  anche emozionale,  psicologica e relazionale di chi riceve. Gli aspetti comunicativi verbali e soprattutto non verbali, empatici,  sono dunque molto importanti.

 

 

 La pratica Shiatsu parte sempre  dall’elemento dell’ascolto e intende sempre il con tatto come una forma di comunicazione energetica profonda tra operatore e riceven-te: lo Shiatsu non agisce ma interagisce con la Persona che riceve il trattamento, accompagnandola dolcemente verso un percorso di auto-guarigione interna in tutti i     casi in cui ciò è possibile.

 Coerentemente con  questa visione, lo Shiatsu non punterà allora alla "guarigione della malattia" quanto al  ripristino di uno stato di benessere globale della Persona

 

Concludendo, lo Shiatsu  è un trattamento olistico-energetico e al contempo un percorso evolutivo, proprio perché non opera in modo fisico-meccanico a livello dei tessuti corporei (muscoli, articolazioni ecc.), bensì a livello più sottile  attraverso l'ascolto dei meridiani energetici e degli stati psico-somatici ad essi sottesi, attraverso  un canale empatico che avvicina progressivamente il ricevente  verso un campo di auto-riequilibrio e armonizzazione, procurando quasi sempre  già durante la sessione stessa un profondo e permeante senso di benessere.

 

 

Tecnicamente ...

 

Per ottenere questi risultati lo Shiatsu si avvale di una precisa tecnica pressoria, la cui azione come abbiamo visto è di tipo vibrazionale e non principalmente "meccanico", ovvero essa non è finalizzata al lavoro diretto sui tessuti: l’operatore, anche detto shiatsuke , si avvale dunque  una serie di palmo-pressioni e digito-pressioni in successione lungo i punti di un’ampia mappatura, di stiramenti accompagnati e leve, manovre di ginnastica passiva e lievi frizioni progressive. Ad eccezione degli stiramenti (che sono in pratica degli allungamenti/stretching), tutte le manovre che l’operatore compie vanno a tradursi in delle precise pressioni (sui meridiani e gli agopunti energetici) che sono caratterizzate da alcune qualità specifiche, ovvero: esse devono essere verticali, ovvero perpendicolari all’area trattata,  progressive (ovvero sincrone al respiro, dell’operatore o talvolta di entrambi)  e sostenenti (ovvero coadiuvate dalla presenza della seconda mano dell’operatore, che gioca un ruolo apparentemente passivo – di puro ascolto -  contribuendo a creare una “circolarità” del contatto)

 

Come abbiamo già accennato, l'operatore non agisce in modo "locale" sul tipo di tessuto trattato (per esempio un articolazione) bensì in modo a-locale e in parte riflesso, con lo scopo di comunicare delle  informazioni energetiche all'organismo, sbloccare delle resistenze di tipo psico-somatico, evocare o ri-evocare alcuni stati d'animo, permettere al ricevente di vivere uno stato di pieno abbandono. La persona trattata a sua volta non subisce passivamente il trattamento, ma interagisce proprio attraverso il progressivo rilascio degli strati più profondi dei propri blocchi,  in quella "circolarità Operatore-Ricevente" che è proprio una delle qualità caratteristiche del trattamento Shiatsu.

 

Infine, Lo Shiatsu è una pratica altamente igienica e non invasiva: si riceve generalmente da vestiti (o con una tuta leggera oppure in maglietta e pantaloncini corti, come ci si sente  più a proprio agio) e non richiede l’utilizzo necessario di oli od unguenti.

 

Ad eccezione di alcuni specifici casi clinici, non esistono particolari limitazioni alla possibilità di ricevere un trattamento Shiatsu: è particolarmente indicato per la donna in gravidanza, per l’anziano con difficoltà motoria, per il bambino.

 

Effetti e benefici

 

Lo Shiatsu ha un’azione preventiva e riarmonizzante riconosciuta sia a livello di benessere globale della persona, sia per migliorare diversi aspetti specifici, per lo più legati di origine psico-somatica (quando questi non hanno raggiunto una fase cronica avanzata), in particolare per: difficoltà nel rapporto sonno-veglia (inclusa l’insonnia) , problemi a livello digestivo e intestinale (non di origine virale) , cervicalgie e in generale mal di schiena/collo e rigidità motorie di origine posturale, stanchezza mentale, spossatezza, scarsa concentrazione, depressione, ansia e gestione delle emozioni in genere. In generale, è molto apprezzato dello Shiatsu anche l’effetto rilassante, che normalmente si estende anche dopo il trattamento stesso,  armonizzando il corpo e la mente e offrendo maggiore stabilità interiore, serenità,  vitalità e piacere di vivere.

 

"Nella mia esperienza personale, aggiungerei che lo Shiatsu (inteso come percorso) ha aiutato molti dei miei riceventi a prendere decisioni importanti: aiutando il ricevente a “ritornare dalla testa al corpo”, permettiamo a molte energie “intrappolate” di riprendere a fluire e in questo modo permettiamo anche agli eventi di “accadere”,  alle relazioni di manifestarsi, alle scelte di compiersi." - Mirko Chiaramonte

 

Aggiungerei che la pratica dello Shiatsu è riequilibrante anche l’operatore, che per praticare bene è tenuto a entrare in uno spazio di ascolto meditativo e movimento energetico.

 

Il trattamento è consigliato soprattutto a chi intende interpretare i propri disturbi fisici e psico-somatici in modo più attivo e consapevole, cogliendoli come un’opportunità per una maggiore presa di coscienza nel rapporto con sé stessi, con il proprio corpo, con l’ambiente esterno e con gli altri.

 

Insomma, lo Shiatsu vanta effetti  profondi e sorprendenti non solo sulla sfera fisiologica ma anche emozionale-energetica e in generale sul piano della vitalità del ricevente: praticato metodicamente, risulta altamente preventivo, armonizzante e tonificante. Infine… Ogni seduta è estremamente piacevole e rilassante!

 

 

- L'operatore professionista Mirko Chiaramonte

 

Orario Segreteria: da Lunedì a Venerdì h. 9:00 - 19:00

Questo sito è di proprietà dell'Associazione Culturale di Promozione Sociale Osservatorio di Vega

sede legale via dal Lino 12/2b 40134 Bologna - Codice Fiscale 03163541208

 E' possibile riutilizzare parte dei testi in esso contenuti SOLO citando esplicitamente la fonte, pena la perseguibilità del trasgressore

Privacy & Cookies Policy